Someone in the crowd: un ragionamento a due voci su La La Land

Someone in the crowd: un ragionamento a due voci su La La Land

Carlotta Susca: A distanza di qualche giorno dalla cerimonia degli Oscar, credo che uno degli aspetti più interessanti di La La Land sia la sua capacità di generare meme e rielaborazioni da parte del pubblico. Non so se hai visto il trailer rifatto à la Lynch…

Michele Trimarchi: No, questo mi manca, però ho letto molte reazioni d’ogni genere, sempre viscerali, il che mi sembra un bel segnale sull’impatto di un film che a prima vista potrebbe sembrare quasi sempliciotto.

Carlotta: https://www.youtube.com/watch?v=6-suOHmYLbo

Michele: Evidentemente ha toccato molti nervi scoperti …

Carlotta: A proposito di “sempliciotto”: uno dei filoni narrativi più vivaci è proprio quello delle love stories, anche nelle serie TV. Mi sembra che si parta dai classici intrecci per sperimentare variazioni di genere.

Michele: Dopo molte migliaia di anni siamo sempre lì, se capissimo di essere fragili e di chiedere soltanto un po’ d’amore forse tante questioni non si porrebbero nemmeno. Certo, stavolta mancava il villain.

Carlotta: Il musicista pop è un super villain.

Michele: Sì, ma non si oppone. Mi manca il baritono delle opere liriche, il Don Rodrigo del caso, il che non consente deviazioni e distrazioni: sei in qualche modo costretto a restare appeso lì, senza far finta di niente.

Carlotta: Una delle critiche che ho letto al film riguardava proprio la riflessione sul jazz: Sebastian è un purista e lo hanno criticato perché avrebbe un’idea vecchia del jazz

Michele: Mah, a fare i puristi c’è sempre la tentazione.

Carlotta: Secondo me Chazelle ha potuto rimanere sulla storia d’amore perché c’era tanto veicolato da altri linguaggi: visivo, sonoro …

Michele: Certo, ma questa è la magia (a LA si direbbe: that’s the magic); il film non è sul jazz, e neanche sul cinema, per quanto lo corteggi di continuo.

Carlotta: Ma tu sapevi che La La Land è un’espressione esistente? Sul Merriam Webster è definita “uno stato mentale euforico simile al sogno, separato dalla durezza della vita”.

Michele: Come dire: terra di scemenze.

Carlotta: E poi c’è la canzone dei Delfonic “La la means I love you”.

Michele: Magari diventa un po’ saccente leggerlo in trasparenza, ma a me piace che il film esca adesso, in tempi torbidi.

Carlotta: Back to the basics.

Michele: Brava, il punto sta proprio qui.

Carlotta: A me in genere dà più soddisfazione la lettura indiziaria, ma la trama deve funzionare da sola, e questa lo fa egregiamente.

Michele: In tempore trumporum c’è urgenza di basics. E poi il dipanarsi è in qualche modo indiziario, ma è così sottile che quasi non lo si percepisce. Guarda caso, come in The Crown (ok, non andiamo OT).

Carlotta: Devo ancora finire The Crown, ma un solo accenno OT: la serie TV Love (Netflix) fa la stessa cosa: non c’è altro che una storia d’amore.

Michele: sì, ma Love mi è sembrato quel tanto depressivo da abbandonarlo. Torno a La La Land, mi sembra che il film abbia suscitato tanti dissensi e scetticismo proprio perché è apparso troppo limpido. Le tinte pastello danno fastidio agli apocalittici.

Carlotta: Oddio, le tinte pastello sono una delle cose più belle.

Michele: Non me lo dire…

Carlotta: Ho trovato un articolo sulla palette di colori e sulle scelte tecniche del cinemascope: pare che alcuni punti fossero meno nitidi in modo da orientare l’attenzione del pubblico.

Michele: Beh, che ci sia stata un’azione sottile di cesello è palese anche sul piano musicale.

Carlotta: La colonna sonora è spettacolare: a loop per giorni.

Michele: Basta pensare all’audizione che sconfina in un inno alla scompostezza: here’s to the mess we make.

Carlotta: Quella è la canzone che mi è piaciuta di meno.

Michele: Sì, ma teatralmente era potente, anche perché non stava in linea con il Rogers-Astaire world.

Carlotta: La voce di Ryan Goslin in City of Stars è struggente.

Michele: Assolutamente: perché è roca e si sente quasi più il respiro che il suono; e poi c’è la mappa dei muscoli facciali, che va a fondo in modo mirabile.

Carlotta: Sulla monoespressione di Goslin si esagerava: lui è perfetto.

Michele:A me è sembrato eloquentissimo, altro che monoespressione. E’ il tema forte: someone in the crowd …

Carlotta: Esattamente … may be the one.

Michele: Siamo in grado davvero di riconoscere quel someone in the crowd che ci dice chi siamo? Senza quel passato prossimo nessuno di noi avrebbe potuto costruire un qualche futuro.

Carlotta: Ci penso quotidianamente (perché mi sento fortunata): ma senza incontrarlo la vita si riduce a un parlarsi senza capirsi.

Michele: Ammesso che ci si parli … Comunque si potrebbe dire che il film è rivolto a un club.

Carlotta: Ma infatti nelle storie d’amore non c’è nulla di banale.

Michele: Chi non accetta la luce degli sguardi finali non ci è passato mai; e poi, finalmente, una storia d’amore in cui lo scambio genera forza e visione, anziché conforto.

Carlotta: Comunque la sequenza del what if vale tutto il film: la controfattualità delle scelte.

Michele: D’accordo, ma il what if è così naturale da non sembrare poi così tanto controfattuale. Un amore che ti regala uno specchio così potente non lo perdi comunque.

Carlotta: È la rappresentazione perfetta di un momento che abbiamo tutti sperimentato.

Michele: Verissimo, e mostra anche quanto quest’energia modifica l’ecosistema.

Carlotta: Che poi il tema è sempre la perfezione di ciò che non è mai avvenuto, perché non ha avuto il tempo di consumarsi.

Michele: Altro argomento forte: non più bisogni ma desideri. Il bisogno lo soddisfi,

il desiderio ti tiene in piedi e ti fa andare avanti solo perché continua a farti inciampare.

Carlotta: L’aspirazione frustrata è insanabile.

Michele: Non direi: frustrata, ma sostenuta e alimentata. Molto disneyano, in fondo: i sogni son desideri.

Carlotta: Ma che ha bisogno di legittimazioni, di qualcuno che la confermi.

Michele: Sì, vero. Ma il qualcuno parla già la tua lingua.

Carlotta: Però devi trovarlo, quel someone in the crowd.

Michele: Significa che devi essere ricettivo.

Carlotta: Il senso è quello: non trovare “l’amore” ma l’unica persona che parli la tua lingua.

Michele: In fondo Mia e Sebastian sanno ascoltarsi a vicenda pur senza rendersene conto. Le scarpe da tip tap lei le ha già in borsa.

Carlotta: La scena del What a waste of a lovely night è meravigliosa: è la più bella scena d’amore del film.

Michele: D’accordo. Ma così possiamo provare a elencare le parole-chiave. Direi: semplificare; ascoltare senza pregiudizi; perder tempo senza ossessioni.

Carlotta: Uhm … scendere a patti con la vita.

Michele: Non sono d’accordo.

Carlotta: Rimanere fedeli a sé stessi: entrambi accettano di essersi separati.

Michele: Mia non scende a patti, l’audizione sembra favorevole e lei rischia.

Carlotta: Ma scende a patti con il fatto che il successo la allontani da Sebastian.

Michele: Sebastian si fa cacciare per ostinarsi con la sua idea di jazz; non direi che scende a patti, semplicemente segue il flusso dei fatti senza forzarli. Mia si era già separata la sera prima per essersi legittimamente arrabbiata.

Carlotta: Dipende da cosa pensa nella scena finale mentre fissa Sebastian nel locale;

lei pensa che sarebbe stato bello ma che è andata così.

Michele: Posso dirti quello che ho pensato io da spettatore: lei pensa che senza di lui e della loro parabola non sarebbe comunque lì, e lui pensa la stessa cosa.

Carlotta: Esatto, ma che avrebbe potuto avere entrambe le cose, ma non lo ha fatto.

Michele: Diciamo che ogni amore nuovo è figlio legittimo degli amori vecchi; è che nessuno lo vuole ammettere per convenienza e buona educazione.

Carlotta: Sì ma nel film non c’è alcun modo in cui il marito di Mia possa sembrare un nuovo amore.

Michele: Diciamo che la cosa non rileva, e poi a noi spettatori non sta granché simpatico …

Carlotta: È detestabile, mentre il bambino ipotetico di Mia e Sebastian ti rende malinconico per il fatto che non sia mai nato …

Michele: Dai, non essere così dura.

Carlotta: Da spettatrice: Mia ha la carriera ma non l’amore.

Michele: È la vita delle cose che vanno avanti. Da spettatore: Mia ha la carriera perché un amore le ha fatto guardare lo specchio in un modo che non si sarebbe permessa da sola; se dovessi sintetizzare (è tempo di lasciare uno scambio che potrebbe durare quanto il film) direi che non masticavo un film così voluttuosamente e morbidamente da moltissimi anni.

Carlotta: Vero. Mi sembra un’ottima conclusione!

Michele: Promettimi che ce lo rivediamo insieme, in originale.

Carlotta: Per forza in originale!

Michele: Still we did what we had to do.

Tools For Culture

Tools For Culture

Tools for Culture è un’organizzazione non profit attiva nel campo della ricerca, della consulenza e della formazione per l’economia, il management e le politiche dell’arte e della cultura. Il suo obiettivo è contribuire a estrarre il valore dalle risorse creative e culturali, rafforzando il loro impatto sulla qualità della vita, stimolando la creazione e il consolidamento di un network di professionisti, imprese e competenze, e fornendo assistenza strategica e tecnica in campo culturale.

RELATED ARTICLES

La natura di Courbet

La natura di Courbet

Gustave Courbet mi è sempre stato simpatico. Lo incontrai la prima volta diciassette anni fa quando alle scuole me

LEGGI TUTTO
Vector Hack, ovvero il sabotaggio della realtà virtuale come prassi artistica e sociale

Vector Hack, ovvero il sabotaggio della realtà virtuale come prassi artistica e sociale

Tra la fine di Settembre e gli inizi di Ottobre si è tenuto il primo Festival Internazionale dedicato alla grafica

LEGGI TUTTO
Nessuno mette l’epica in un angolo

Nessuno mette l’epica in un angolo

Dei ed eroi del fumetto Fra pochi giorni, il 19 ottobre, uscirà su Netflix la terza stagione di Marvel’s Daredev

LEGGI TUTTO

Lascia un Commento