Questo è un piccolo esperimento.

Apprezzare, vivere, costruire un luogo pensandolo.

Questo è un piccolo esperimento.

Caro Lettore,

questo è un piccolo esperimento.

Pensa a un certo luogo. Di questo luogo elencherò alcune caratteristiche, senza rivelare di quale specifico posto si tratti davvero. Bada, Lettore, che non è un indovinello. Non c’è una strategia ottimale e neanche una risposta corretta.

 

Ecco le istruzioni per l’esperimento.

 

È uno spazio in cui ci sono delle persone.

Queste persone sono varie e diverse, casuali o speciali, vanno e vengono.

Vengono per tanti motivi, o per nessuno in particolare, oppure – quasi – tutti per la stessa ragione.

Qui tante cose accadono contemporaneamente:

parlare,

camminare,

guardare,

pensare,

ascoltare,

mangiare e bere,

imparare,

oppure proprio ‘fare niente’.

Queste sono le cose più comuni che si fanno in questo spazio.

 

È un posto bello, Lettore, bello per te.

Un posto che ti piace perché ti fa stare bene ogni volta, qualche volta, mica sempre per forza,

quando sei lì per un certo motivo,

quando sei lì senza un vero motivo (può succedere),

quando ci vai con certe persone o con nessuno.

 

Ci stai bene perché si creano piccole magie quando, per qualche ragione, persone sconosciute diventano un gruppo.

Ecco, questo elemento è cruciale:

in questo posto è facile che si verifichi qualche condizione capace di creare legami tra persone che si trovano lì e non si conoscono.

È un posto in cui si creano degli equilibri sociali, anche se si tratta di equilibri fragili, addirittura fragilissimi.

 

Basta poco perché le piccole magie si interrompano, ma la cosa bella sai qual è?

Che non ci vuole niente a crearle.

 

A cosa stai pensando, Lettore?

 

Scrivo queste righe dall’aeroporto di Fiumicino. Davanti a un pianoforte. Una ragazza giovanissima sta suonando. È diventato un concerto. Tra un pezzo e l’altro noi, gente a caso, sconosciuti che aspettano un volo, che sono diventati una audience, un gruppo, applaudiamo. Un signore e io abbiamo fatto un video. Sono rimasti pochi posti liberi. Quasi tutti i passanti si fermano ad ascoltare, sorridono. Nessuno chiacchiera o parla al telefono. Tutti ascoltano, oppure muovono la testa e le mani a tempo – a questo punto la pianista sta suonando qualcosa di molto famoso. Hanno chiamato il suo volo, la pianista ha dovuto smettere. Le sedie della sala d’aspetto si sono svuotate. La magia si è interrotta. Ma ecco che si siede qualcun altro sullo sgabello dello Yamaha a coda, nero, elegante nonostante il contesto. C’è un signore con gli occhiali che stava aspettando che qualcuno tornasse a suonare: ha smesso di scrivere – stava scrivendo – e ha preso ad ascoltare, sorridendo. Fa un video.

 

A cosa serviva questo esperimento?

 

Quando capito in posti come questi, torno a casa con qualcosa di prezioso. E ne sono felice.

Il mio posto non è solo il terminal D dell’aeroporto di Roma.

Mi sono convinta che, in fin dei conti, questi luoghi possano stare ovunque. Non è un controsenso! I posti sono importanti per quello che ci capita dentro. Anche il paesaggio, il contesto, il contorno fanno parte di cosa ci capita, siano essi belli, brutti, di pregio, in degrado, naturali, costruiti.

 

Allora, questo esperimento sarà servito, Lettore, se oggi, dopo aver letto queste poche righe, avrai pensato al tuo luogo. Se invece non sarai riuscito a fartene venire in mente uno, sarebbe splendido se durante la giornata, in metro, al parco, in un museo, affacciato alla finestra di casa tua, lo trovassi.

 

Il mio scopo era svelare la magia di questi luoghi, che diventano tali solo quando la magia comincia comunque.

 

 

Valeria Morea

 

 

Immagine in copertina: Maria Lai, Legarsi alla Montagna, 1981.
Tools For Culture

Tools For Culture

Tools for Culture è un’organizzazione non profit attiva nel campo della ricerca, della consulenza e della formazione per l’economia, il management e le politiche dell’arte e della cultura. Il suo obiettivo è contribuire a estrarre il valore dalle risorse creative e culturali, rafforzando il loro impatto sulla qualità della vita, stimolando la creazione e il consolidamento di un network di professionisti, imprese e competenze, e fornendo assistenza strategica e tecnica in campo culturale.

RELATED ARTICLES

Oltre l’architettura

Oltre l’architettura

Nella vita ci sono decisioni che vanno prese in momenti del tutto sbagliati: scegliere una carriera all’età di 1

LEGGI TUTTO
Parliamo di politica per la cultura?

Parliamo di politica per la cultura?

In un periodo segnato dal nervosismo e dal conflitto un po’ di ragionevolezza pacata può aiutare. Quello che chi

LEGGI TUTTO
Social innovation e pratiche di riuso applicate al mondo culturale

Social innovation e pratiche di riuso applicate al mondo culturale

«Social innovation e pratiche di riuso applicate al mondo culturale»: Facile a dirsi – e anche molto affascinan

LEGGI TUTTO

Lascia un Commento